Viaggiare

20161210_185458.jpg

Dovremmo viaggiare un po’ più spesso, prendere l’orologio non per vedere che ore sono, ma per vedere quanto del nostro tempo abbiamo già sprecato vivendo ciò che ci mantiene tristi, ciò che non ci appaga, ciò che non ci rende felici. Dovremmo comprendere che l’orologio ci dice quanto del nostro tempo non abbiamo speso in felicità.
E dovremmo tenere un diario, un piccolo diario per piccole emozioni e piccoli pensieri — ripartire ogni tanto dallo spazio che abbiamo dedicato a quelle esperienze significative che abbiamo impresso su carta, su pelle, dentro. Dovremmo ripartire — allora io riparto da te, che sei stata la mia esperienza più bella.
Ma cos’è il viaggio se non la dimensione fisica di cui ogni uomo si serve per accedere ad una dimensione non fisica — per accedere a se stesso?

“Legga l’orologio, signorina, non per sapere in quale punto temporale si trova. Ma per sapere quanto le manca ancora per la felicità”.


Un lungo viaggio senza panchine.
Un lungo viaggio solo con me, per capire te.
∃x(φ)

Annunci

33 thoughts on “Viaggiare

  1. Un pensiero che condivido appieno. L’esperienza del viaggio sia interiore che effettivamente quello intrapreso per conoscere luoghi e usanze, è secondo me vivifica. Aiuta a comprendere meglio noi stessi quando interiore, e accresce il nostro bagaglio culturale quando esteriore. Conclusione : va sperimentato almeno una volta nella vita, meglio più di una. Un caro abbraccio. Isabella

    Liked by 2 people

  2. Condivido ogni parola. Il tema del viaggio è affascinante, come lo è viaggiare, sia fisicamente che interiormente. E forse viaggiando davvero, camminando in posti che ancora non conosciamo, scoprendo nuove culture potremo scoprire anche un po’ noi stessi. Viaggiare apre sempre la mente.
    Mi piace anche l’orologio che indica quanto manca alla felicità, vedi io l’ho sempre visto come un oggetto che indica il tempo che spreco, che perdo, che vola via… invece in questa nuova veste il ticchettio delle lancette non è più un suono così fastidioso 😉

    Liked by 1 persona

  3. viaggiare è un fatto mentale, tanti che si spostano da un luogo a un altro, scattano quattro foto e cinque selfie e tornano, in realtà non hanno viaggiato. Un altro che si muove dal letto alla cucina osservando le pareti o il pavimento con un occhio nuovo, curioso, ha compiuto un viaggio.
    ml

    Liked by 1 persona

  4. viaggiare presuppone coraggio, e spesso ne abbiamo solo a parole, in teoria… fare davvero un intero viaggio, a volte all’improvviso, senza neanche prepararsi più di tanto, può davvero essere un grande atto di coraggio, e sicuramente lo è di crescita… ti auguro di avere la forza di andare sempre fino in fondo ad ogni tuo viaggio, buona fortuna ragazzo…

    Liked by 1 persona

  5. Recentemente ho visto due film molto belli in qualche modo legati a questo tema dell’orologio, del tempo, della felicità, di quello a cui il tempo può servire: uno è “Hugo Cabret”, l’altro “The Angriest Man in Brooklyn” (tradotto, non capirò mai perché, con “90 minuti a New York”), di cui ho appena parlato, molto commovente (per me almeno), proprio perché questi temi sono universali e intimi al tempo stesso, toccano tutti e ciascuno in modo diverso. Io credo che il viaggio (vero) possa cambiarti, ma certo naturalmente devi essere disposto comunque a cambiare anche lo sguardo, oltre al luogo. E il senso del tempo, comunque. Perché è del tempo che si compone la nostra vita, e credo sia molto vero quello che dici, in fondo non servirebbe tenere il conto del tempo, se non per tentare, almeno, di entrare più a fondo in quello che facciamo, minuto per minuto. Ed è un viaggio anche quello, certo.

    Liked by 1 persona

    1. Ti ringrazio, è sempre molto bello sapere che qualcuno apprezza e condivide ciò che penso anch’io. Ho sempre sostenuto la duplice natura (universale ed intima) dei sentimenti e delle emozioni, dei propositi e delle aspettative umane.
      Non ci resta che viaggiare 😃

      Liked by 1 persona

  6. Quanta verità c’è in questo articolo. Io lo dico da sempre ma tutti mi scambiano per pazza 🙂 forse perchè la maggior parte di loro ha paura di lasciarsi andare? Buona giornata 😀

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...