Un’onesta bugia

Ci baciammo, ci abbracciamo, ci dicemmo che ci volevamo bene. Eravamo un punto. Un punto fermo — e poi siamo diventati un punto esclamativo. Urlando la nostra fermezza. Perché la bellezza non dura e la felicità muore nel momento in cui il punto interrogativo viene messo vicino a quello esclamativo.
Ci siamo domandati se valesse la pena sopportare — sopportarci. È andata a finire come ogni buon libro: si chiude l’ultima pagina con la voglia di tornare indietro e ricominciare da capo la conversazione. Magari, evitando quei bruschi errori di battitura che ci hanno trasformati in due estranei. Pagine ingiallite col tempo. Questo siamo ora.
Ed io ho perso la primavera, mentre tu mi dicevi di ricordarla. — Cosa mi resta da ricordare ora?

Ecco cosa siamo stati. Un modo onesto di essere bugiardi. 


∃x(φ)

Annunci

36 thoughts on “Un’onesta bugia

  1. Bella la metafora, e la riflessione. Poetica.
    “…quei bruschi errori di battitura che ci hanno trasformati in due estranei”, stupendo.
    Ma più di tutto è bello quell’ideale relazione che al momento di chiudere, girando l’ultima pagina, sente così forte l’esigenza di non fermarsi, di non finire; di più: di rivivere e gustare, ancora più in profondità, con esperienza e voglia di riscoprire,… tutto da capo. Sì, l’hai espresso proprio bene.
    Un saluto,
    Paolo

    Mi piace

  2. Mirabile la descrizione di una storia attraverso le interpunzioni. Solo tu potevi ^_^
    Sul finale mi e ti chiedo se davvero pensi che in quei momenti in cui vi siete detti “ti voglio bene” ci fosse del falso?

    Mi piace

      1. me lo sono chiesto tante volte anche io, Ekpi’.
        Sarà perché poi le cose cambiano… perché cresciamo e ci modifichiamo ?
        Non so.
        Io so solo che non ho smesso di volere bene a chi ho detto queste parole… anche se non sono più al mio fianco.
        ^_^

        Mi piace

      2. Anche io continuo a volerle bene ma, purtroppo, non è sempre possibile continuare a dimostrarlo quando ci si ferisce a vicenda o si rimane feriti solo da un lato tanto profondamente…

        Mi piace

  3. Una relazione sentimentale è come un libro le cui pagine possono essere scritte correttamente, mentre altre con molti errori grammaticali. Se prevalgono questi ultimi…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...